Chemioterapia

Gli agenti chemioterapici sia essi somministrati oralmente che endovena, possono essere utilizzati come singoli agenti o in combinazione, in base al tipo di tumore e alle condizioni cliniche della persona.

 

L’obiettivo primario del trattamento chemioterapico è la cura del tumore, utilizzando una dose efficace che provochi il minor danno possibile alle cellule sane dell’organismo.

 

In genere, secondo la sede tumorale, lo stato di avanzamento della malattia ed i fattori individuali, viene pianificato il trattamento chemioterapico adeguato. Stabilito questo, la chemioterapia può essere somministrata come:

  • Terapia adiuvante: dopo la chirurgia per ridurre la probabilità di recidiva;
  • Terapia neo-adiuvante: prima della chirurgia per ridurre le dimensioni del tumore e consentire una migliore riuscita dell’intervento;
  • Terapia concomitante: insieme a una o più terapie (es. chemioterapia e radioterapia o anticorpi monoclonali).

 

La chemioterapia è un trattamento sistemico, coinvolge dunque tutto l’organismo, ed è per questo motivo che potenzialmente chi si sottopone a chemioterapia può avere più effetti avversi rispetto alla chirurgia e alla radioterapia. Tra questi i più frequenti sono: stanchezza, perdita di appetito, alterazioni del gusto, nausea, vomito, diarrea, costipazione, mucositi ed esofagiti, caduta dei capelli, disturbi alla pelle e alle unghie, compromissione della funzionalità del midollo osseo con maggior rischio di contrarre infezioni.

Inoltre la malnutrizione, la disidratazione e la perdita di peso prima e durante la chemioterapia, possono condizionare il recupero del paziente ed anche la tossicità sviluppata tra i cicli di chemioterapia, influenzano direttamente l’iter del piano di trattamento programmato.

Gli effetti collaterali dei trattamenti chemioterapici possono essere maggiori se il paziente presenta delle comorbilità come diabete, patologie cardiache o renali.

Vale la pena ricordare che la maggior parte degli effetti collaterali tendono a regredire con la sospensione del trattamento.